Scalini

scale

Ho sempre pensato – e non so se l’ho già scritto, ma sticazzi – che la scienza procede per salti, non in linea retta.

Prima di un salto c’è un periodo di rumore di fondo, di piattume. Poi arriva uno che pensa fuori dagli schemi, raccoglie elementi distanti e scollegati, e si crea una sintesi: il salto, appunto.

Credo che si applichi anche alle emozioni, alla vita privata.

Almeno per me.

Un pensiero riguardo “Scalini”

  1. scalini non rende l’idea. Gradoni. Terrazzamenti.
    E non si sale e basta, si ruzzola in continuazione al piano inferiore.

    Ma d’altronde, anche Kratos finiva nell’Ade almeno un paio di volte per ogni God of War, o no?

I commenti sono chiusi